L’Olindo mai visto

invito-avanti

Si inaugura sabato 8 ottobre alle 15 a Casa Guerrini a Sant’Alberto la mostra “L’Olindo mai visto”, mostra iconografica dedicata a Guerrini nella realtà di uomo, di padre, di amico. L’esposizione – che resterà aperta fino al 29 ottobre – è stata curata dall’Associazione Amici di Olindo Guerrini; realizzazione e allestimento sono di Enrico Baldini e Luigi Berardi, con il contributo di Paola e Liliana Foresti Forti, e la presentazione di Franco Gabici. L’esposizione gode del patrocinio del Comune di Ravenna, ed è realizzata in collaborazione con l’Istituzione Biblioteca Classense e con il sostegno della Federazione delle cooperative della Provincia di Ravenna. La mostra resterà aperta fino al 29 ottobre.

Nel pomeriggio inaugurale, sono previsti i saluti istituzionali dell’assessore alla Cultura del Comune, Elsa Signorino, e del presidente della Federazione delle Cooperative, Lorenzo Cottignoli; quindi la presentazione di Franco Gabici e Luigi Berardi. Sarà inoltre ospite il cantautore marchigiano Gianluca Lalli, che ha tratto una canzone (“Il canto dell’odio”) da una poesia di Guerrini, e si esibirà dal vivo.

 

Con questa mostra si entra nell’intimità di Olindo Guerrini e attraverso gli oggetti e i cimeli esposti possiamo risalire ai suoi gusti e alle sue abitudini di vita. Questo “Guerrini” stupirà sicuramente quanti hanno del poeta una immagine dinamica e spavalda, ma in realtà il “vero” Guerrini era un uomo tutto casa e famiglia. E lui stesso ce lo conferma: “Così vissi una vita studiosa tra la Biblioteca e la casa, badando all’educazione dei figli, che mi paiono riusciti bene, e distraendomi con lunghe gite in bicicletta, lavoretti di fotografia e cure di una mia villa a Gaibola”.

Ed ecco, allora, campeggiare fra gli oggetti la bicicletta di Guerrini, inseparabile compagna di lunghe pedalate insieme al figlio Guido, un mezzo che gli ha fatto assaporare il piacere della libertà e della vita all’aria aperta.

Non potevano mancare le pipe, per le quali Guerrini aveva un debole, tant’è che una volta deviò da un suo itinerario in bicicletta per recarsi a Bassano del Grappa dove si trovava una grande fabbrica di pipe, il “Pipificio Cavazzon”, e ne acquistò una quantità esagerata.

In queste sale possiamo ricostruire, dunque, un Guerrini “in pantofole”, un “Guerrini mai visto” e tutti gli oggetti in mostra hanno il magico potere di farcelo sentire più vicino, come uno di noi. La sedia, lo scrittoio, il calamaio dove intingeva la penna ricompongono l’atmosfera del suo studio dove Guerrini ha pensato e ha creato i suoi versi, le sue prose e le sue burle. Il tutto nella affascinante cornice della abitazione che un tempo fu di suo figlio Guido per cui possiamo dire che veramente in questa mostra si respira aria di casa.

©2018 Amici Di Olindo Guerrini - Sant'Alberto Un Paese Vuole Conoscersi -  Via Rivaletto 13 – Sant'Alberto (Ravenna) – COD. FISCALE 92083910395 - amiciguerrini@gmail.com

Privacy Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?